Il colore è uno degli elementi che, attraverso la vista, colpisce maggiormente tutti noi. Facciamo continuamente scelte, volontarie o involontarie, che dipendono dai colori con cui si presentano oggetti, cibi, vestiti, ma anche locali, luoghi e anche l’arredamento per la nostra casa.

È normale quando si acquista un’auto meditare un po’ sul colore della carrozzeria o, al contrario, decidere istantaneamente per il nostro colore preferito. Questo ci fa capire che la gamma di frequenze che forma tutte le sfumature dal bianco al nero, in qualche modo ci condiziona.

Chi si occupa di pubblicità conosce la psicologia del colore e la utilizza per aumentare il potere persuasivo degli slogan o per comunicare direttamente al nostro subconscio attraverso il packaging di un prodotto o un semplice logo.

Difficilmente troveremo prodotti alimentari con una confezione grigia o nera e altrettanto improbabile è vedere bottiglie di succo di frutta marroni, ma se si guarda il reparto degli alcolici del supermercato, questi colori sono usati per birra e whiskey.

Venendo a ciò che annuncia il titolo di questo articolo: i colori fanno la differenza anche quando scegliamo le sedie.

                     

Le sedia a casa: colori tenui o tinte decise?

Sicuramente il gusto personale influenza la scelta dei mobili per la nostra casa, ma spesso dopo qualche anno ci si pente di qualche elemento acquistato. Questo perché anche il gusto è condizionato dalle mode.

Se si pensasse all’emozione che ci dà un oggetto di un determinato colore, molto probabilmente la voglia di cambiarlo o di riverniciarlo arriverebbe molto più tardi.

Quasi mai vengono acquistate una o due sedie per la casa, ma quattro, sei, otto, quindi il colore di tanti oggetti in uno spazio limitato, come può essere la cucina, influenza lo sguardo quando entriamo.

Quattro sedie di pelle bianca intorno ad un tavolo scuro cattureranno lo sguardo, ma solo se il resto dei mobili e le pareti creano il giusto contrasto.

Le stesse sedie abbinate ad un tavolo bianco daranno una sensazione di modernità e di discrezione.

Comunemente il rosso trasmette energia e vivacità, quindi immaginiamo sei sedie di quel colore in un salotto dalle tinte fredde. Sicuramente riscalderanno l’ambiente e regaleranno un pizzico di brio.

Se vogliamo un ambiente adatto al relax, le sedute (sedie, divani, sgabelli) da scegliere sono quelle con colori naturali e sfumature tenui, dalle linee pulite, che non colpiscano troppo la vista, ma che regalino confort e resistenza.

 

Sedie colorate in un locale pubblico

Fuori da casa nostra l’uso del colore nell’arredamento è ancora più importante. Chi realizza il progetto degli interni di un bar, di un ristorante o di un hotel, deve pensare a come attirare il pubblico e a come dare sensazioni positive fin dal primo sguardo.

Di solito in locali di questo tipo le sedie non sono solo mezza dozzina, ma diverse decina, quindi il colore di esse determinerà un impatto visivo più o meno forte.

Se si scelgono sedie di design per comunicare la vivacità di un locale, il colore potrebbe essere un giallo intenso o un arancione solare.

In un’osteria moderna si può giocare con sedie che riprendono un design classico fatte di legno robusto, ma inserendo con gusto qualche tocco di colore, magari nello schienale o sulle gambe.

Scopri le nostre proposte per sedie di design colorate.